Gemini


Gemini


Nome italianoGemelli

Stelle
maggiori
alpha GeminorumCastormagn. 1,6AR: 07h 34m 36.02sDec: +31 53' 18.7"
beta GeminorumPolluxmagn. 1,1AR: 07h 45m 19.05sDec: +28 01' 34.4"
gamma GeminorumAlhenamagn. 1,9AR: 06h 37m 42.72sDec: +16 23' 57.5"
delta GeminorumWasatmagn. 3,5AR: 07h 20m 07.37sDec: +21 58' 56.4"
epsilon GeminorumMebsutamagn. 3,2AR: 06h 43m 55.92sDec: +25 07' 51.9"
my Geminorummagn. 3,2AR: 06h 22m 57.61sDec: +22 30' 49.0"
xi Geminorummagn. 3,4AR: 06h 45m 17.38sDec: +12 53' 44.4"

DescrizioneCostellazione dello zodiaco, attraverso la quale il Sole transita dalla fine di giugno alla fine di luglio. Si trova a nord-est di Orion.

La costellazione è caratterizzata da due stelle di prima magnitudine poste vicine: alpha e beta Geminorum. La prima, chiamata Castor, è composta da due stelle bianco-azzurre e da una nana rossa: e poiché queste tre componenti sono tutte delle doppie, in realtà Castor è costituita da un sistema di ben sei stelle. La seconda, Pollux, è una gigante gialla un po' più luminosa di Castor. Castor e Pollux non hanno alcun legame tra di loro: la distanza che ci separa da queste due stelle è, rispettivamente, di 45 e 36 anni luce.

La costellazione dei Gemini ospita inoltre un paio di oggetti molto interessanti.
Anzitutto M35, un ammasso aperto situato presso il confine con il Taurus: è costituito da oltre un centinaio di stelle, sparse in una zona vasta quanto la Luna piena; è distante da noi 2800 anni luce.
In secondo luogo, c'è NGC 2392, una nebulosa planetaria che al telescopio appare come un disco azzurrognolo di ottava magnitudine. Vista con i grandi telescopi questa nebulosa ha l'aspetto di un viso circondato da una frangia: per questo motivo è soprannominata Eskimo Nebula o Clown Nebula.


Mitologia
e storia
La costellazione rappresenta i gemelli Castor e Pollux, conosciuti anche come Dioscuri, cioè "figli di Zeus". La tradizione vuole, però, che solo Pollux fosse di stirpe divina, mentre Castor era mortale, figlio di Tindaro re di Sparta: entrambi, comunque, erano figli di Leda, moglie di Tindaro e amante di Zeus.

I due gemelli erano molto affezionati l'uno all'altro. Insieme si unirono alla spedizione degli Argonauti (vedi la mitologia della Carina), alla quale furono di grande aiuto in varie occasioni: Castor, infatti, era un abilissimo guerriero e domatore di cavalli, mentre Pollux era un pugile imbattibile. Apollonio Rodio, autore delle Argonautiche, racconta che i due gemelli salvarono la nave Argo durante una tempesta: per questa ragione essi in seguito diventarono i protettori dei marinai, i quali credevano di vederli durante le bufere sugli alberi delle navi sotto forma di bagliori luminosi (è il fenomeno oggi conosciuto come fuoco di Sant'Elmo).

Castor e Pollux si scontrarono con un'altra coppia di gemelli, Ida e Linceo, per via di una contesa sorta tra loro a proposito di due belle fanciulle. Ida colpì Castor ferendolo a morte, mentre Pollux trafisse Linceo con la sua lancia: infine intervenne Zeus, che incenerì Ida con la sua folgore. Unico superstite, Pollux chiese ed ottenne di poter dividere la sua immortalità con il fratello: entrambi trascorsero così un giorno nell'oltretomba e un giorno sull'Olimpo.


Torna alla pagina delle costellazioni.